Chi siamo

Moving Studio è composto da Coach che sono posizionati, alternativamente, tra la parte nera e la parte grigia della figura. Per capire questa condizione bisogna fare un balzo indietro di diversi anni.

Nel 2012 Andrea era pervaso da un desiderio, frutto della frustrazione personale cui andava incontro ogni sessione di allenamento con i suoi allievi: dare loro il meglio! Questo in termini di necessità personali e risultato sperato e desiderato.

Purtroppo, lui stesso “figlio” di una cultura incentrata sulla quantità dell’allenamento, sulla fatica e sull’approccio al cliente totalmente spersonalizzato, imposto dall’industria del Fitness e dello sport, non riusciva, nel centro dove prestava il suo servizio, massima espressione di quella cultura, a rendere al massimo ciò che l’allievo richiedeva.

Fu così che, lasciando un lavoro ben remunerato, con mutuo e due figlie a carico, dette vita con sua moglie Katia a Moving Studio, inseguendo il sogno e il desiderio di rendersi utile per il prossimo.
Trovarsi imprenditori, oltre che tecnici e consulenti dell’attività motoria non è stato facile da coordinare, soprattutto nel cercare di cambiare lo “status quo” dell’attività motoria.

La comunità dei professionisti di adesso fa ancora fatica a “capire” il Movimento come attività professionale necessaria come primo approccio ad ogni cliente; ancora oggi la cultura del “durare fatica” e “del più fai meglio è”, pervade sia i professionisti del settore che la maggior parte dei clienti che si iscrivono in una palestra.

La visione di Andrea è stata pioneristica: è stato tra i primi Coach a specializzarsi all’estero, Stati Uniti, andando ad imparare il Movimento e il Movimento applicato alla preparazione fisica dai padri creatori e innovatori in tal senso.

Sicuramente Moving è stato il primo studio nel panorama nazionale a incentrare tutta l’attività del cliente, sia atleta professionista che non, sul Movimento quale attività motoria di partenza per poter sostenere poi performance e abilità motorie superiori, quali sport, o semplici camminate all’aria aperta, per persone con traumi funzionali.

Lo studio non è dotato di macchine isotoniche o tappeti a motore.
Il primo equipaggiamento è il flooring: il pavimento ha diverse consistenze e caratteristiche e tutta l’attività viene compiuta, quando possibile, senza scarpe.

L’investimento di Andrea e Katia si è basato sulla formazione, sia personale che dello Staff.

Dopo diversi anni di ricerca di individui assetati di conoscenza e desiderosi di condividere i valori di Katia e Andrea, posizionandosi sempre più nella parte nera del cerchio, lo staff odierno è composto da Coach di livello umano e tecnico elevatissimo.

Ogni settimana viene effettuata una riunione tecnica di Staff, con al centro la risoluzione di un caso studio (solitamente relativo ad un nuovo cliente).
Nell’ufficio vi è una lavagna a muro dove ogni Coach appone l’esercizio, la metodologia, il processo, da affrontare in riunione, che viene appositamente calendarizzata settimanalmente.

Tutto lo staff partecipa alle formazioni dell’Academy di Life Changer che si tengono in varie città d’Italia ogni fine settimana e occasionalmente vengono nominati assistenti al corpo docente.

In studio vi è un via vai settimanale di Trainer professionisti, titolari di studi privati di ogni dove della penisola e non, che richiedono e ricevono formazione privata o che semplicemente vengono ad assistere a tutte le fasi di lavoro dello Staff.

I Coach dello Staff di Moving vengono incaricati da Andrea di erogare formazione privata ai Trainer esterni, in modalità one to one.
Tutto lo staff fa da collettore, guidati dalla responsabile clienti, Katia, con i professionisti che collaborano attivamente alla risoluzione dei problemi del cliente, secondo necessità:

  • Medico nutrizionista
  • Fisioterapista
  • Osteopata
  • Psicologo cognitivo
  • Ortopedico
  • Gnatologo

Moving Studio è composto da persone che vogliono cambiare in meglio la vita delle persone.

Ogni ragazzo dello Staff ha come obiettivo quello di impattare positivamente la vita di ogni persona che si interrelaziona con loro durante la giornata.

Il nostro modello di vita professionale può racchiudersi nella frase di Dale Dauten che abbiamo scritto a vernice nel nostro ufficio:

“PENSA COME UN EROE” (chi posso aiutare oggi?)
“LAVORA COME UN’ARTISTA” (che cosa possiamo provare di nuovo?)
“RIFIUTA DI ESSERE BANALE” (cerca di raggiungere l’eccellenza e superala)
“FESTEGGIA PER I RISULTATI” (ma non prenderti il merito)